Il progetto mira a creare una filiera verticale nella val Posina, sfruttando i residui legnosi, provenienti sia dalle attività forestali che dall’attività artigianale coinvolta, a fini energetici.